Parole di canzone - Noter de Berghem

In Bergamasco

Nóter de Bèrghem
de Bèrghem de sura
a la finestra, a la finestra
m' ghe dis ol balcù.

E ché comande mé ché
e ché gh'è la mé cà ché
ói saì chi à e chi é ché
só mé 'l padrù.

Nóter de Bèrghem
de Bèrghem de sura
a la forchèta, a la forchèta
m' ghe dis ol pirù.

E ché comande mé ché
e ché gh'è la mé cà ché
ói saì chi à e chi é ché
só mé 'l padrù

Nóter de Bèrghem
de Bèrghem de sura
al materasso, al materasso
m' ghe dis ol stremàss.

E ché comande mé ché
e ché gh'è la mé cà ché
ói saì chi à e chi é ché
só mé 'l padrù.

Nóter de Bèrghem
de Bèrghem de sura
a l'ürinare, a l'ürinare
m' ghe dis ol bocàl.

E ché comande mé ché
e ché gh'è la mé cà ché
ói saì chi à e chi é ché
só mé 'l padrù

In Italiano

Noi di Bergamo
di Bergamo di sopra
alla finestra, alla finestra,
diciamo: balcù.

E qui comando io, qui
e qui c'è la mia casa, qui
voglio sapere chi va e chi viene qui
sono io il padrone.

Noi di Bergamo
di Bergamo di sopra
alla forchetta, alla forchetta,
diciamo: pirù.

E qui comando io, qui
e qui c'è la mia casa, qui
voglio sapere chi va e chi viene qui
sono io il padrone.

Noi di Bergamo
di Bergamo di sopra
al materasso, al materasso,
diciamo: stremàss.

E qui comando io, qui
e qui c'è la mia casa, qui
voglio sapere chi va e chi viene qui
sono io il padrone.

Noi di Bergamo
di Bergamo di sopra
al vaso da notte, al vaso da notte,
diciamo: bocàl.

E qui comando io, qui
e qui c'è la mia casa, qui
voglio sapere chi va e chi viene qui
sono io il padrone.

Parole di canzone - Amici miei

phoca thumb l apero milesi 05 h

Amici miei

Quando ti prende la malinconia
Pensa che c'è qualcuno accanto a te
Vivere non è sempre poesia
Quante domande senza un perché
Ma l'amicizia, sai, è una ricchezza
È un tesoro che non finirà
Metti da parte questa tua tristezza
Canta con noi, la tristezza passerà.

Lire la suite...